Come abbiamo avuto modo di anticipare in diverse occasioni, le muffe sui muri altro non sono che un tipo di funghi che si riproducono per mezzo di spore e che purtroppo possono causare danni nell’uomo in particolare all’apparato respiratorio.  La muffa è composta per lo più da microrganismi viventi come batterie, pori che continuano a proliferare a colonia per poi andare a distruggere letteralmente le pitture esterne e poi anche l’intonaco. Come capire se sulle vostre pareti vi è muffa?  Sostanzialmente possiamo dire che le muffe si manifestano dapprima con piccoli puntini neri, poi questi diventano delle macchie scure compatte, fino a giungere allo sfarinamento e allo sfogliamento delle pitture degli intonaci.

La muffa si forma perlopiù in ambienti chiusi e soprattutto poco soleggiati, come ad esempio il garage, le cantine ma anche nelle abitazioni e nello specifico sui soffitti e sulle pareti esterne.  Oltre che da un punto di vista estetico, la muffa sui muri e sulle pareti è purtroppo molto pericolosa e tossica ed in alcuni casi può anche essere cancerogena, per questo toglierla dalla casa risulta essere molto importante;  le macchie di muffa, oltre ad emanare un cattivo odore ed essere brutte da vedere, sono anche molto nocive per la nostra salute perché responsabile di una serie di allergie e danni alle vie respiratorie, ma anche di possibili effetti sul comportamento dei bambini.

I sintomi più ricorrenti causati dalla muffa sui muri e sulle pareti di casa sono:  allergie con raffreddore, naso chiuso, asma e infezione cronica delle vie respiratorie, dolore muscolare a carico dell’orecchio e delle articolazioni, febbre e lacrimazione, tosse, dermatite con desquamazione della pelle eruzioni cutanee e prurito. Talvolta le conseguenze di un’infezione da muffa possono portare anche a danni cerebrali con perdita di concentrazione, perdita di memoria, cambiamenti di umore, ansia e depressione, sanguinamento dal naso, dai polmoni o rettale.

Ma perché la muffa è tossica? 

Sostanzialmente perché  le spore rilasciano tossine pericolose per la salute a causa delle sostanze chimiche in esse contenute come i chetoni e gli alcoli che sono l’origine del tipico odore di muffa. Tra i tanti tipi di muffa, quella più pericolosa è originata dal fungo strachybotrys chartarum  che si presenta con macchie nere verdognole sulle pareti e sul soffitto della casa, provocata perlopiù dall’umidità e dalle infiltrazioni di acqua,  le cui micotossine sono altamente cancerogene. Sulla base di quanto abbiamo spiegato, si comprende bene come sia importantissimo eliminare la muffa sui muri e nello specifico come sia importante raschiare via la muffa bianca sui muri, anche se non è detto che questa non si riformerà.

La soluzione ideale è quella di chiedere aiuto a dei seri professionisti che possano, nel corso di un sopralluogo, cercare di risalire alla causa che ha portato le muffe a formarsi tramite un’attenta analisi. Ricordate sempre di far areare bene la vostra casa ogni giorno e di lasciare uscire i vapori che si formano quando si cucina o quando ci si fa la doccia,  questo contribuirà ad impedire che la muffa possa proliferati sulle vostre pareti o sui vostri soffitti.